Il buco più profondo del mondo

Hai mai pensato a cosa ci vuole per perforare il centro della Terra? Se ti sembra difficile, hai ragione! Non solo nessuno ha mai trivellato fino al centro della Terra, ma nessuno è mai riuscito nemmeno a perforare la crosta terrestre. In effetti, sappiamo più cose sullo spazio esterno che su ciò che c’è sotto la superficie terrestre!
Sappiamo che la Terra ha degli strati. La Terra è composta da crosta, mantello e nucleo. Sia il mantello che il nucleo hanno componenti interni ed esterni.

Le temperature all’interno della Terra variano (fonte delle temperature) (© 2019 Let’s Talk Science utilizzando un’immagine di Mats Halldin Vectorization: Chabacano via Wikimedia Commons).

Cosa hanno scoperto?

Il Kola Superdeep Borehole ha portato a una serie di scoperte affascinanti. Per esempio, c’è molta acqua nel sottosuolo! Questa scoperta è stata una delle più importanti. Gli scienziati credono che quest’acqua sia effettivamente intrappolata nelle rocce che compongono il mantello terrestre e parti della crosta. Pensano che sia intrappolata sotto forma di atomi di idrogeno e ossigeno. Il processo di perforazione ha rilasciato alcuni di questi atomi di gas intrappolati, producendo acqua.

Gli scienziati hanno anche scoperto microscopici fossili di plancton a circa 6,7 chilometri sotto la superficie terrestre! Ventiquattro specie diverse di microplancton antico sono state catalogate durante il progetto.

Lo sapevi?

Si è sparsa la voce che il progetto Kola Superdeep Borehole è terminato perché i perforatori hanno colpito una cavità molto calda e hanno sentito il suono di “urla” che uscivano.

Ci sono stati altri buchi super profondi scavati da allora?

Diversi progetti di perforazione super profonda hanno seguito le orme del progetto Kola Superdeep Borehole. Alla fine degli anni ’80, il programma di perforazione continentale profonda tedesco ha tentato di scavare il proprio foro. Anche quel progetto finì a causa delle alte temperature. A profondità di 9 100 metri, raggiunsero temperature vicine ai 260 gradi Celsius!

Alcuni progetti hanno anche tentato di perforare la crosta terrestre sott’acqua. La nave giapponese Chikyu è l’esempio più notevole. La nave è progettata per operare in acque profonde fino a 2 500 metri. È progettata per perforare altri 7 000 metri nella crosta terrestre. La sua più recente spedizione ha avuto luogo nel 2009.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.